Doveva fare una foto di questa preda. In quale altro modo qualcuno avrebbe creduto a quello che c’era nella sua rete?

Considerando che in alcune aree si parla di una profondità di più di 9.000 metri, non ci stupisce che parte dei fondali degli oceani siano ancora rimasti inesplorati. Sappiamo molto poco anche delle creature che popolano queste acque; ecco perché, quando vengono pubblicate foto di specie che vivono in queste zone, la notizia suscita parecchio scalpore. Roman Redortsov, russo, è un pescatore di profondità e, durante il suo viaggio nel mare di Barents, ha avuto la possibilità di fare “la conoscenza” di animali unici. L’uomo pubblica spesso i risultati della pesca su Twitter e Flickr. Guardate voi stessi. Attenzione, alcune di queste immagini sono davvero grottesche!

È proprio incredibile pensare di condividere il pianeta con creature così strane. Ma, considerando l’aspetto terrificante di alcune di esse, forse è meglio che rimangano in profondità, lontane da noi! Vi è venuta voglia di frittura di pesce? Io credo che però rimarrò fedele ai calamari…

loading...